Bullismo

Studio Legale Roncallo - Bullismo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisci elit, sed do eiusmod tempor incidunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrum exercitationem ullamco laboriosam, nisi ut aliquid ex ea commodi consequatur. Duis aute irure reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore eu fugiat nulla pariatur. Excepteur sint obcaecat cupiditat non proident, sunt in culpa qui officia deserunt mollit anim id est laborum. Studio Legale Roncallo - Bullismo

Lorem Ancora anche come in più per non parlare di tuttavia ipsum dolor sit amet, consectetur adipisci elit, sed do eiusmod tempor incidunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrum exercitationem ullamco laboriosam, nisi ut aliquid ex ea commodi consequatur. Duis aute irure reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore eu fugiat nulla pariatur. Excepteur sint obcaecat cupiditat non proident, sunt in culpa qui officia deserunt mollit anim id est laborum. Studio Legale Roncallo - Bullismo

Ancora Dolor sit amet, consectetur adipisci elit, sed do eiusmod tempor incidunt ut labore et dolo Anche re magna aliqua. Ut enim Come ad minim veniam, quis nostrum exercitationem ullamco laboriosam, nisi ut aliquid ex ea commodi consequatur. Duis aute In piùirure reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore eu fugiat nulla pariatur. Excepteur sint obcaecat cupiditat non proident, sunt in culpa qui officia deserunt mollit anim Per non parlare di id est laborum. Studio Legale Roncallo - Bullismo

Ipsum dolor sit amet, consectetur adipisci elit, sed do eiusmod tempor incidunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrum exercitationem ullamco laboriosam, nisi ut aliquid ex ea commodi consequatur. Duis aute irure reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore eu fugiat nulla pariatur. Excepteur sint obcaecat cupiditat non proident, sunt in culpa qui officia deserunt mollit anim id est laborum. Studio Legale Roncallo - Bullismo

Bullismo

Il bullismo è un fenomeno sociale che coinvolge molteplici soggetti: il bullo, la vittima, i gregari, i testimoni, il personale scolastico, i genitori e le famiglie. Negli ultimi anni le cronache hanno messo in evidenza il crescere di tale comportamento persecutorio anche attraverso forme di violenze di gruppo da parte di adolescenti su altri adolescenti o persone con difficoltà. Tale termine si riferisce ad un’azione di prevaricazione che deve essere caratterizzata da tre elementi contestuali:

  1. l’intenzionalità del comportamento vessatorio;
  2. la ripetizione dei comportamenti nel tempo;
  3. uno squilibrio di potere o di forza tra il bullo e la vittima.

In assenza di uno degli elementi di cui sopra non siamo in presenza di bullismo. Molti giornalisti e operatori utilizzano impropriamente questa parola che viene spesso usata per descrivere atti che non rientrano, a livello tecnico, nella definizione di bullismo (ad esempio l’episodio di due ragazze che si insultano l’un l’altra nel cortile di una scuola non costituisce un caso di bullismo in quanto è carente l’elemento di squilibrio di potere dunque, in questo caso, la violenza è reciproca; un singolo atto di violenza nei confronti di un adolescente non integra il bullismo in quanto è assente l’elemento della ripetizione nel tempo e quindi, in questo caso, saremo di fronte ad un reato penale).

Aggiungi qui il testo dell'intestazione

Il bullismo può essere considerato come un comportamento antisociale, caratterizzato da mancanza di empatia e da uno scarso rispetto per le norme sociali. Esso può presentarsi nella forma di bullismo diretto (che si realizza attraverso l’aggressione fisica o verbale diretta alla vittima) o nella forma di bullismo indiretto (tramite episodi di esclusione sociale o diffusione di notizie non vere ai danni della vittima).

Negli ultimi anni si è registrato un drastico abbassamento dell’età dei bulli. Spesso le notizie riportano di baby-gang che sferrano attacchi nei confronti di adulti o loro coetanei, danneggiano strutture pubbliche o private (spesso gli istituti scolastici) o commettono altri tipi di reati.

Anche se nel nostro codice penale, attualmente, non esiste uno specifico reato di bullismo, gli atti prevaricatori messi in atto da ragazzini o adolescenti possono comunque integrare numerosi reati presenti nel nostro codice penale (stalking, molestie, lesioni, diffamazione, percosse ecc.).

Sicuramente l’avvento di Internet e l’esplosione dell’utilizzo dei social netwok hanno modificato anche il bullismo favorendo lo sviluppo di nuove patologie (legate alla dipendenza dalla rete) e nuove forme di aggressività perpetrate attraverso il web, quali il cyberbullismo.

Aggiungi qui il testo dell'intestazione

Il bullismo online, come ogni fenomeno connesso ad Internet, non ha limiti di spazio e di tempo ed ha, pertanto, un potenziale offensivo più persistente e pericoloso: mentre le azioni di bullismo sono circoscritte ad un determinato ambiente (es. la classe, l’istituto scolastico, ecc.), le azioni di cyberbullismo possono essere diffuse e condivise tramite Internet in ogni posto del mondo. Il cyberbullo non ha il contatto visivo con la vittima e pertanto non ha l’esatta percezione delle conseguenze delle proprie azioni; il sopra citato aspetto rallenta e riduce i sensi di colpa e impedisce remore etiche e l’empatia con le potenziali vittime.

Proprio per cercare di dare una risposta efficace a questo fenomeno in costante aumento, nel maggio 2017 la Camera dei Deputati aveva approvato la legge n. 71/2017 (dedicata a Carolina Picchio prima vittima di cyberbullismo riconosciuta in Italia, morta suicida nel 2013 a soli 14 anni) intitolata “Disposizioni a tutela dei minori per la prevenzione e il contrasto del fenomeno del cyberbullismo” (pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 3 giugno 2017 ed entrata in vigore il 18/6/2017). La legge 29 maggio 2017 n. 71 (di cui è stata promotrice e prima firmataria la ex senatrice Elena Ferrara, ex insegnante di musica di Carolina Picchio) si compone di 7 articoli ed è finalizzata a favorire una maggior consapevolezza tra i più giovani del disvalore dei comportamenti persecutori che avvengono online.

.

.

.

.