Gratuito Patrocinio

infatti nonché ulteriore per non parlare di non solo (questo), ma anche (che) anche in alternativa allo stesso modo per di più d’altra parte inoltre ad esempio per lo stesso motivo difatti come soprattutto ugualmente e cioè per esempio a dire il vero considerando tuttavia mentre nonostante d’altra parte però in ogni caso al contrario ad ogni modo anche se sebbene anziché essendo solo se perché al fine che in considerazione che a condizione che in quanto così che visto che affinché quindi in modo da perciò cosi da quando in tal modo poi a causa di ciò se purché nel caso per questa ragione al fine di altrimenti salvo che per paura che alla fine per riassumere inizialmente finalmente come è stato detto prima di tutto per iniziare all’inizio per tornare al punto brevemente successivamente in precedenza comunque in tutto infine in ogni modo nel complesso come è noto come è stato detto in precedenza dopodiché in conclusione ricapitolando in breve come ho detto

Gratuito Patrocinio

L’istituto denominato Patrocinio Gratuito a spese dello Stato consente ai non abbienti di avvalersi dell’assistenza di un Legale in modo completamente gratuito.

Con il Gratuito Patrocinio, (spesso erroneamente confuso con la difesa d’ufficio), è il cittadino a scegliere il legale presso le liste degli avvocati iscritti nell’apposito elenco.

La difesa d’ufficio è, invece, un istituto appositamente creato a garanzia dell’indagato/imputato che rende obbligatoria la presenza di un avvocato nel procedimento penale nel caso in cui il cittadino si sprovvisto di un difensore di fiducia. In questo caso sarà lo Stato a scegliere il difensore fra quelli iscritti in appositi elenchi. Il difensore d’ufficio va sempre retribuito dall’assistito. Se questi è persona non abbiente e ne ricorrono i presupposti potrà avvalersi anche del Gratuito Patrocinio.    

Per essere ammessi al Patrocinio a spese dello Stato, è necessario che il richiedente sia titolare di un reddito annuo imponibile, risultante dall’ultima dichiarazione dei redditi (es: mod. 730, CUD ecc.) non superiore ad € 11.493,82 (aggiornato all’anno 2020).

Nelle cause di diritto di famiglia si tiene conto del reddito del solo richiedente, senza considerare il reddito dell’altro coniuge, che sarà la controparte in una eventuale causa.

Studio Legale Roncallo

Possono richiedere l’ammissione al patrocinio a spese dello Stato i seguenti soggetti:

  • i cittadini italiani
  • i cittadini dell’Unione Europea
  • i cittadini non comunitari soggiornanti in Italia (previo ottenimento di dichiarazione consolare che certifichi l’assenza di redditi percepiti all’estero)
  • gli apolidi

Lo Studio si occuperà di presentare la relativa istanza presso il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati, che delibererà in merito ammettendo, ove ne ricorrano i presupposti, il richiedente ai beneficio

In tema di Gratuito Patrocinio, l’art. 76 del Testo Unico in materia di Spese di Giustizia stabilisce che la vittima di una serie di gravi delitti contro la persona, fra i quali il reato di cui all’art. 612-bis c.p. (cd. “stalking”) può essere ammessa al patrocinio anche in deroga ai limiti di reddito previsti dal medesimo decreto.

Il nostro Studio può assistervi con professionalità e competenza in tutte le cause nanti il Tribunale di Genova, senza l’obbligo di versare alcun onorario, qualora abbiate i requisiti reddituali previsti dalla legge per l’ammissione al Patrocinio a Spese dello Stato.